La fontana per gatti è un accessorio che potrebbe aiutare notevolmente a far bere il tuo amico felino. I gatti, si sa, con l’acqua non vanno troppo d’accordo, ma anche per loro è un elemento imprescindibile. È stato dimostrato che un gatto che beve regolarmente è più sano, ma non sempre gli abbeveratoi in commercio riescono a dissetarli del tutto, specialmente a causa del ristagno idrico.

È qui che la fontana per gatti diventa un valido aiuto. Il getto continuo dell’acqua fresca è particolarmente piacevole per loro e li invita a bere più facilmente. Certo non puoi scegliere la prima che ti capita tra le mani, ma devi trovare il prodotto adatto alle tue necessità. È di questo che tratteremo nella nostra guida di oggi, quindi se ti interessa continua a leggere!

Le cose più importanti in breve

  • I filtri delle fontane per gatti devono essere sostituiti con una certa frequenza: in questo modo l’acqua scorrerà sempre limpida e pura, senza il rischio di emanare cattivi odori. Cerca di orientarti verso un prodotto di qualità se desideri il meglio per il tuo piccolo amico.
  • Se il tuo micio è abituato a pasteggiare con mangimi dovrai assicurarti che beva abbastanza. Gli abbeveratoi tradizionali non risultano attrattivi per i gatti, che tendono ad evitare i ristagni a causa della loro scarsa predisposizione per l’acqua: come saprai sono animali che odiano bagnarsi! Una fontana per gatti, oltre a garantire una completa idratazione, servirà da stimolo per stabilire una certa familiarità con questo elemento naturale.
  • Scegliere il modello di fontana elettrica più indicato dipende in gran parte dal gatto o dai gatti che hai in casa: più sono, maggiore sarà la capacità d’acqua di cui hanno bisogno. Inoltre il grado di idratazione necessaria è soggettivo, si basa soprattutto sull’età del gatto e sulla sua attività fisica; se è anziano, oppure molto attivo, dovrà assumere un quantitativo d’acqua giornaliero maggiore.

Le migliori fontane per gatti sul mercato: la nostra selezione

I cibi per gatti contengono un livello di umidità piuttosto basso. È quindi essenziale che tu gli fornisca acqua fresca il più spesso possibile. Scegliere una buona fontanella è essenziale. Ti consigliamo di dare un’occhiata alla selezione che abbiamo preparato qui sotto: sono le migliori fontane per gatti sul mercato e ti aiuteranno a conoscere le principali caratteristiche di questo tipo di prodotti.

La più apprezzata dalle recensioni

Fontana in resina alimentare con standard di sicurezza approvati. Progettata con filtro in cotone ad alta densità in grado di filtrare sostanze estranee, rimuovere l’odore e mantenere l’acqua fresca e pulita. Caratterizzata da un design estremamente silenzioso e da tre modalità di flusso per soddisfare le esigenze idriche di ogni animale. Il consumo energetico è basso e garantisce una durata prolungata oltre i due anni con un uso corretto.

La più capiente

Fontana dal flusso regolabile, con getto d’acqua a caduta libera per stimolare gli animali a bere di più. Dotata di un prefiltro che cattura peli e altre grosse particelle prima che raggiungano il motore elettrico, e di una pompa sommergibile che rende l’apparecchio completamente silenzioso. C’è la possibilità di montare un sensore di rilevamento per attivare la fontana quando il gatto ci passa a fianco, in modo da richiamarlo spontaneamente verso l’acqua.

La più bella e funzionale

Fontana per gatti con tre modalità di funzionamento incorporate, tra cui quella a infrarossi che attiva l’apparecchio quando il gatto entra in un raggio di 1,5 metri. Possiede un design compatto e brevettato, pensato per occupare poco spazio ed essere gradevole da vedere in un ambiente domestico; garantisce inoltre un consumo ultra-basso e scarse emissioni di carbonio. E’ presente una luce a led che si illumina quando è necessario ricaricare acqua, ed ha una garanzia di 12 mesi.

La più conveniente

Prodotto realizzato in resina antibatterica ed ecologica, con tre modalità di flusso diverse: leggero, gorgogliante o silenzioso. L’intero apparecchio è molto facile da pulire e da smontare, ed è in grado di inglobare una elevata capacità d’acqua (max 2,8 litri), risultando perfetta per chi ha più di un gatto. Ha un filtro in poliestere e carbone attivo che cattura peli e residui, oltre a rendere l’acqua totalmente inodore. Consuma poco ed è ottima anche per cani di piccola taglia.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulle fontane per gatti

Ti abbiamo mostrato le quattro fontane per gatti più apprezzate sul mercato, per darti un’idea più chiara dell’apparecchio e del suo funzionamento, ma il nostro compito non finisce certo qui. Abbiamo condotto una ricerca dettagliata, di cui ti mostreremo i risultati nelle prossime righe, per spazzare via tutti i tuoi dubbi in merito! Se l’argomento ti interessa continua a leggere, troverai informazioni utili ed interessanti.

fontana-per-gatti-prima-xcyp1

Si consiglia di sostituire il filtro della fontana per gatti ogni quindici o trenta giorni al massimo, in base al modello e al numero di gatti domestici. (Fonte: Thorsten Nilson: 117670102/ 123rf.com)

Come funzionano esattamente le fontane per gatti?

Ne esistono di diversi tipi. Funzionano tutte allo stesso modo, e in linea generale sono montate con le medesime componenti (troviamo comunque dei modelli con optional aggiuntivi e più funzioni). Le parti che costituiscono la fontana sono la pompa d’acqua, il filtro e i diffusori. Di seguito analizzeremo nel dettaglio il loro funzionamento.

  • Pompa d’acqua: Permette la circolazione dell’acqua per tutto il sistema, e può funzionare secondo tre  configurazioni diverse. In questo modo, se il gatto non si avvicina alla fontana, potremo attirarlo verso l’acqua semplicemente modificando la modalità con cui questa sgorga. Per funzionare deve essere collegata ad una presa elettrica, garantendo comunque consumi molto bassi.
  • Filtro: E’ fondamentale per rendere l’acqua pulita e inodore. La maggior parte dei filtri sono in carbone attivo, lo stesso materiale usato anche per prodotti destinati all’essere umano, e la loro forma varia in base al modello della fontana. C’è poco da dire sul funzionamento: basti sapere che è un elemento chiave per eliminare le impurezze e garantire la salute del nostro amico a quattro zampe.
  • Diffusori: Sono la componente da cui sgorga l’acqua. Se ne trovano di diversi tipi soprattutto per quel che riguarda i diffusori ornamentali, dalle cascate all’acqua gorgogliante. I gatti non sono tutti uguali, alcuni preferiranno bere in un certo modo, altri in un altro: dovrai osservare bene quale modalità di flusso attira di più l’animale, e impostare  la fontana di conseguenza.
foco

Sapevi che il corpo dei gatti è composto per il 60% da acqua? Solo il 10% in meno rispetto agli esseri umani.

Quali sono i vantaggi di una fontana per gatti rispetto ad un abbeveratoio tradizionale?

Esteticamente, è indubbio che le fontanelle per gatti siano molto carine e facciano anche arredamento. Ma ovviamente non è questo il principale motivo per cui dovresti considerarne l’acquisto. Ecco i vantaggi e gli svantaggi che caratterizzano le fontane per gatti:

Vantaggi

  • Richiamano l’attenzione del micio, che di conseguenza beve di più.
  • Garantiscono acqua fresca e pulita 24 ore su 24.
  • Hanno un design compatto e possono ospitare grande capacità d’acqua.
  • Sono facile da pulire, come un semplice abbeveratoio.
  • Sono dotate di tecnologie che le rendono silenziose.
  • Non devono essere per forza collegate tutto il giorno ad una presa, e in generale consumano poco.
  • Non obbligano a verificare di continuo quanta acqua rimane.
  • La maggior parte dei modelli avvisa attraverso una luce a led quando il livello d’acqua inizia ad essere troppo basso.

Svantaggi

  • L’investimento iniziale non è indifferente, ma viene compensato sul lungo periodo.
  • Impiegherai un po’ di tempo in più per pulirla.
fontana-per-gatti-seconda-xcyp1

Le fontane per gatti più belle richiameranno l’attenzione del tuo felino, invogliandolo a bere di più. (Fonte: Ludemeula Fernandes: 9UUoGaaHtNE/ Unsplash.com)

Esistono fontane per gatti senza cavi?

Sì, puoi trovare anche alcune fontane del tutto automatiche (meglio conosciute come fontane per gatti con sensore). Si tratta di dispositivi che attivano il funzionamento del flusso d’acqua quando il gatto si avvicina entro un certo raggio.

In questo modo il risparmio energetico è maggiore, non avrai un cavo in più tra i piedi e anche dal punto estetico la fontana renderà l’ambiente domestico gradevole. Questi modelli in genere costano leggermente di più, ma risultano convenienti sul lungo periodo perchè limitano i consumi.

Di quali materiali è fatta una fontana per gatti?

Possono essere diversi, così come per gli abbeveratoi (o ciotole) tradizionali, ma in genere viene usata la plastica. Essendoci diverse componenti, quali la pompa d’acqua, il filtro e i diffusori, è importante smontare l’apparecchio per pulire con efficacia ogni elemento che lo compone. Vediamo nel dettaglio quali materiali si possono utilizzare per fabbricare questi prodotti:

  • Fontana in plastica: Le opzioni migliori utilizzano plastica di altissima qualità, garanzia di prezzi basso ed un uso prolungato nel tempo. Sarà necessario prendersene cura e pulirla con attenzione, siccome la plastica tende ad usurarsi di più formando piccole crepe in cui rischiano di annidarsi i batteri.
  • Fontana in acciaio inossidabile: Materiale che si distingue per la sua leggerezza e per un ottimo livello di resistenza. Oltre ad essere ipoallergenico è compatto e previene la comparsa di crepe, garantisce una capacità più che buona, tra i due e i quattro litri, ed elimina odori indesiderati.
  • Fontana in ceramica: Le fontane per gatti in ceramica sono assai robuste, difficilmente si rompono e durano nel tempo. Conservano bene la temperatura dell’acqua grazie alle proprietà termiche del materiale, risultano facili da pulire ma si sporcano facilmente, col rischio attirare germi e batteri.
fontana-per-gatti-xcyp1

Le fontane per gatti con sensore si attivano solo quando il micio si avvicina, permettendoti di risparmiare energia. (Fonte: Thorsten Nilson: 117300986/ 123rf.com)

Le fontane per gatti classiche o dotate di sensore sono sicure?

A prescindere dal modello, di stile classico o con funzioni incorporate, le fontane per gatti sono totalmente sicure. I gatti evitano l’acqua stagnante, ma al tempo stesso sono attratti dall’acqua in movimento: le fontane in questione sfruttano proprio questo principio per avvicinare i felini. Inoltre garantiscono un livello di idratazione superiore, che tradotto significa miglior stato di salute.

La sicurezza dell’apparato dipende anche da te. Le fontane, come detto, non hanno bisogno di un gran mantenimento: assicurati di cambiare il filtro spesso, almeno una volta al mese se vuoi che l’acqua sgorghi sempre fresca e pulita, e ricordati di pulire l’apparecchio con cura per eliminare ogni residuo.

Come si pulisce una fontana per gatti?

Se ti stai chiedendo come si pulisce una fontana per gatti sei arrivato nella sezione giusta. Il procedimento è a grandi linee sempre uguale, può variare minimamente a seconda del modello, ma non vi impegnerà per più del necessario: pulire una fontana per gatti è tanto facile quanto pulire una ciotola comune, basta prendere le dovute precauzioni.

  • Stacca la fontana dalla corrente.
  • Svuota interamente il deposito.
  • Smontala e dividi le diverse componenti.
  • Non pulire la pompa dell’acqua. Potrebbe danneggiarsi.
  • Pulisci ogni singolo pezzo con una spugna o un panno. Se preferisci, puoi riporli direttamente in lavastoviglie.
  • Asciuga con attenzione i diversi pezzi e monta nuovamente la fontana.
  • Ripeti il processo ogni dieci o quindici giorni. E non dimenticarti di cambiare periodicamente il filtro.
Jean CocteauArtista francese

“Amo i gatti perché amo la mia casa, e loro diventano, poco a poco, la sua anima visibile”.

Quali filtri possono essere usati con una fontana per gatti?

Quasi tutte le fontane per gatti prevedono filtri in carbonio attivo; alcuni modelli utilizzano filtri in poliestere, in altri troviamo degli elementi aggiuntivi come il prefiltro. Si tratta di una componente fondamentale, da cui dipende il funzionamento di tutto l’apparato: elimina gli odori, mantiene l’acqua pulita e previene la diffusione di germi e batteri, a vantaggio della salute del tuo gatto. Vediamo nel dettaglio i filtri in cui possiamo imbatterci:

  • Filtro ultravioletto: Ideale per la purificazione dell’acqua. È in grado di eliminare ogni microrganismo nocivo presente.
  • Carbone attivo: Il più utilizzato in assoluto. Rende l’acqua pulita eliminando tutti gli agenti contaminanti, comprese le particelle chimiche che fluttuano nell’aria rischiando di finire nella ciotola. Inoltre elimina tutti i cattivi odori, evitando che il gatto provi repulsione nell’avvicinarsi alla fontana.
  • Filtro a scambio ionico: È il filtro più indicato per pulire l’acqua eccessivamente mineralizzata. Ottimo per prevenire la comparsa di calcoli renali e problemi motori, garantisce acqua sempre pulita e libera da impurità.
fontana-per-gatti-prodotto-xcyp1

Se hai molti gatti, l’opzione migliore è investire in una fontana di grande capacità. (Fonte: Mel Elias/ Unsplash.com)

Quando deve essere sostituito il filtro di una fontana per gatti?

E’ un interrogativo comune tra gli utenti, per questo abbiamo ripetuto diverse volte quanto è importante cambiarlo spesso. Non c’è una risposta univoca ed universale, dipende dalla qualità del filtro e dalle istruzioni riportate sul manuale: ogni apparecchio è a sé, quindi valuta attentamente le indicazioni del fabbricante in merito e agisci di conseguenza.

Controlla lo stato della fontana di tanto in tanto, magari mentre la pulisci o quando cambi l’acqua: non serve a nulla cambiare il filtro se non ti prendi cura di tutto il prodotto nel suo insieme. Considera anche che più gatti gironzolano per casa più spesso il filtro dovrà essere sostituito, e se la qualità dell’acqua è scarsa, soggetta quindi a impurità e cattivi odori, il filtro si usurerà molto prima.

Criteri di acquisto

Ora che hai acquisito molte informazioni sulle fontane per gatti sei quasi pronto per acquistare la più adatta al tuo piccolo amico! Tieni in considerazione i nostri consigli e usali per sfruttare al meglio il prodotto, senza dimenticarti di leggere attentamente le istruzioni. In questa sezione conclusiva vogliamo elencare e descrivere brevemente alcuni criteri da valutare prima dell’acquisto, per non lasciare proprio nulla al caso: ti invitiamo a darci un’occhiata.

  • Capacità
  • Consumo energetico
  • Design
  • Materiali

Capacità

Le fontane migliori offrono, in media, una capacità compresa fra 1 e 3 litri. Se hai un gatto solo non avrai bisogno di fontane molto capienti, ma se ne hai diversi valuta con attenzione questo aspetto: acquistane una abbastanza grande da garantire a tutti gli animali domestici di idratarsi a dovere, senza che debbano entrare in competizione fra loro per avvicinarsi all’acqua.

View this post on Instagram

#fontanapergatti

A post shared by Misciou (@misciou) on

Consumo energetico

La maggior parte delle fontane, come detto, spreca pochissima energia. Prima dell’acquisto però valuta bene il consumo totale del prodotto, che dev’essere riportato per legge dal venditore, per evitare sorprese spiacevoli nelle bollette. Ricorda inoltre che alcuni apparecchi funzionano senza alimentazione elettrica, grazie a sensori che attivano la fontana quando il gatto le passa a fianco: un buon modo per garantirsi ulteriore risparmio.

Design

Con design ci riferiamo sia alla forma del prodotto che alla sua estetica, fondamentale per renderlo visivamente compatibile con gli ambienti domestici. La maggior parte dei modelli sono compatti, funzionali, possono essere posizionati in ogni parte della casa: valutane diversi, e scegli quello che meglio si abbina ai tuoi arredi.

Materiali

Abbiamo già parlato in precedenza dei diversi materiali che compongono una fontana per gatti. Vale la pena ricordare l’importanza di scegliere un prodotto di qualità, per garantire la salute del nostro micio: alcuni modelli in plastica scadente rischiano di diventare una calamita per i batteri, oltre a risultare poi difficili da pulire. Non tralasciare questo aspetto, meglio spendere qualche euro in più ed essere certi di ricevere una fontana di qualità, funzionale e sicura.

foco

Sapevi che la gran parte dei gatti odia bagnarsi perchè l’acqua può seccare la pelle, eliminando i feromoni essenziali per comunicare con gli altri felini?

Conclusioni

I gatti e l’acqua vanno poco d’accordo, su questo non ci sono dubbi. Però al tempo stesso ne hanno bisogno per sopravvivere, e questo vale tutti gli esseri viventi. Le fontane per gatti nascono proprio per creare un anello di congiunzione tra questi felini e l’acqua, sfruttando il principio che, rispetto ai ristagni, l’acqua in movimento attira animali curiosi come i gatti: non solo non avranno timore di avvicinarsi, ma berranno di più, mantenendosi quotidianamente idratati ed in forma .

In questo articolo ti abbiamo mostrato diversi modelli di fontane per gatti, cercando di spiegare il funzionamento delle varie componenti (pompa d’acqua, filtro e diffusori). Abbiamo poi elencato i criteri fondamentali su cui basarsi per effettuare un acquisto consapevole, quali capacità, materiali di fabbrica e design del prodotto. Speriamo di averti fornito dei consigli utili in merito!

Ora tocca a te! Se l’articolo ti è piaciuto e lo trovi interessante, condividilo con i tuoi contatti e lasciaci un commento. Saremo felici di sapere cosa ne pensi!

(Fonte dell’immagine in primo piano: Thorsten Nilson: 117300654/ 123rf.com)

Vota questo articolo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
42 Voto(i), Media: 4,88 di 5
Loading...